Nuovo aumento delle materie prime

Il Def, in alcune simulazioni su diversi scenari di rischio, ipotizza Il materializzarsi di un nuovo aumento delle materie prime energetiche, come petrolio ma anche gas ed elettricità.

Un’Ipotesi che potrebbe compromettere i tassi di crescita di -0,1 punti percentuali nel 2023, -0,3 punti nel 2024 e -0,6 punti nel 2025. 

Intanto sul caro-energia il governo ha predisposto una misura operativa nella seconda parte dell’anno mentre per le imprese solo uno studio sulle misure strutturali, ma nulla di concreto.

La prospettiva a medio termine potrebbe essere quella di superare la dipendenza dal gas russo a favore dell’elettrico in linea con la transizione verde.

Articoli simili